Google+ Followers

domenica 26 febbraio 2017

Dal "datore di lavoro" al "datore di riposo"

Risultati immagini per relax






BREVE SINTESI DEGLI ULTIMI 10 ANNI:


- Grazie all'inerzia dei giovani i "diritti" sudati in precedenza dai nostri vecchi ormai sono stati praticamente azzerati.

- Gli straordinari, quelle ore in più di lavoro alla normale routine quotidiana, che venivano richieste molto raramente ed ovviamente con il permesso del lavoratore, oggi sono diventati normali ore di lavoro, da accettare pena il licenziamento.


Risultati immagini per padrone
- L'andare in bagno a fare i propri bisogni, un tempo considerato un bisogno inviolabile di prima necessità, oggi si è trasformato in "perfavore padrone, posso andare in bagno?", e tale bisogno viene concesso solo in determinati orari, come a scuola...perché si sa, siamo così perfetti da decidere a quale ora, ma che dico, a quel minuto dobbiamo pisciare o cacare.

- Gli stage formativi sono lavoro gratis legalizzato, fatevene una ragione!

- Sempre più aziende hanno introdotto il sabato mattina tra l'orario obbligatorio di lavoro, così giusto per farvi lavorare mezza giornata in più alla settimana, pagata ovviamente normale.

- Gli italiani hanno calato volentieri i pantaloni in questi anni, accettando qualsiasi contratto venisse loro proposto, pur di "avere un lavoro", dunque anche la dignità se n'è andata a farsi fottere.



Ma tra l'immensa massa pecorile italiota, sappiamo bene che ci sono anche degli esseri umani che dalla vita vogliono qualcosa in più di uno stipendio alla fine del mese, e questi sono i lettori di questo magnifico blog, persone a cui la dignità risulta più importante dell'ultimo Iphone, uomini e donne che lavorano si, ma facendosi rispettare prima di tutto.

Ecco, a questo piccolo gruppo di pecore nere io mi rivolgo, e propongo loro di creare dei "datori di riposo", poichè di datori di lavori ne abbiamo tutti piene le palle.

Basta dunque a tutti questi esseri frustati che dettano ordini e trattano le persone peggio di come si trattavano i muli da traino durante la grande guerra, è tempo di ritornare a parlare di rispetto e di umanità nel luogo di lavoro. Tutti abbiamo bisogno di portare a casa il pane e di provvedere a noi stessi, ma ce modo e modo di farlo...



Basta ricatti!

Basta straordinari! 
Lavorare 5 giorni su 7, 8 ore al giorno è già una tortura sufficiente, non vi pare?

Basta inutile stress! 
Che poi pastiglie  e picofarmaci mica ve li passano l'azienda...

Basta turni svernanti che vi esauriscono mentalmente e fisicamente! Che poi gli integratori e la pappa reale mica ve li passano l'azienda.



E' giunto il tempo di creare l'antagonista naturale al giacca e cravatta sfruttatore e questo è il datore di riposo, che al posto di incaricarvi di fatica vi incaricherà di sano ozio, di passeggiate all'aperto, di lunghe meditazioni in riva al lago, di bagni rilassanti e di riposino pomeridiani e che manderà letteralmente a fanculo le pubblicità che promuovo pasticche in grado di farti tornare al lavoro il giorno dopo che hai avuto 38° di febbre.

D'ora in poi la febbre passerà nel suo ritmo naturale, dai 3 ai 5 giorni, per il datore di riposo il lavoro viene sempre dopo la salute.

Allora che ne pensate?

E' giunto il tempo di introdurre questa figura speciale tra di noi?

Daniele Reale




E come primo compito emanato dal vostro supremo DATORE DI RIPOSO, in quanto inventore di tale termine, vi ordino, anzi vi invito affettuosamente come vostra prima mansione ad osservare il dipinto qui sotto e ad assaporane tutte le belle sensazioni che vi trasmette:

Il cielo azzurro, l'aria secca e calda dell'estate, il profumo del grano appena falciato, la sensazione dei vostri arti ora a riposo, il suono dell'armonica del vostro compagno d'ozio, il sapore del vino che vi disseta, le risate tra una barzelletta e l'altra, la pace che si respira assieme all'aria.


Non è magnifico?




3 commenti:

  1. Esattamente quello che ho deciso di fare della Mia Vita!
    Complimenti per l'articolo!

    È Ora di Svegliarsi!

    RispondiElimina
  2. Ciao Daniele ! Ottimo spunto ! E' un po' quello che faccio io ormai da anni . Ok, sono un senzatetto ma mi manca poco o nulla di ciò che hanno gli altri . Passo le mie giornate con lo sport, libri, cinema, riflessioni, il pensiero, meditazione, ... e pochissimo lavoro ( e ho la possibilità di lavorare quasi sempre solo se ne ho voglia ) . SVEGLIAMOCI !!

    RispondiElimina
  3. Quoto in tutto, ma la peggior razza da abbattere in italia sono i LECCACULI

    RispondiElimina